Raggiungere la felicità: I 4 benefici della meditazione

da | 25 Gen, 2021 | BENESSERE

La scienza, oggi, riconosce la validità della pratica meditativa e sottolinea i suoi enormi benefici sia a livello fisico che psicologico.

Il termine meditazione, dal latino “meditatio” ovvero “riflessione”, definisce una pratica universale e molto antica atta a calmare la mente.
Tramite la meditazione e le pratiche mindfulness (versione occidentale della meditazione buddhista), possiamo vivere nel “qui e ora”, abbandonando pensieri ed emozioni negative, fino a raggiungere il benessere e la felicità.
La scienza, oggi, riconosce la validità della pratica meditativa e sottolinea i suoi enormi benefici, sia a livello fisico che psicologico.
Proseguendo la lettura, potrai conoscere quali sono  i 4 principali benefici della meditazione e come contribuiscono al raggiungimento della felicità.

La meditazione rafforza la salute fisica 

Studi sulla neurofisiologia hanno dimostrato che la pratica quotidiana della meditazione può portare cambiamenti molto positivi nell’organismo (Renjen, Chaudhari, 2017).

La meditazione, infatti, aiuta a rilassare il corpo, diminuendo la tensione nei muscoli.
In generale, questo permette di ridurre il senso di affaticamento e migliorare la qualità del sonno.
Più nello specifico, meditare aiuta a stabilizzare una serie di funzioni biologiche, come la pressione sanguigna e i livelli ormonali. Inoltre, rafforza il metabolismo, diminuisce l’infiammazione cellulare e potenzia il sistema immunitario.
Praticare regolarmente la meditazione introduce un cambiamento positivo nello stile di vita, migliorando il benessere dell’organismo.

La meditazione migliora la salute emotiva
Uno studio, condotto su larga scala, ha rivelato che la meditazione, praticata con regolarità, riduce la probabilità di sviluppare disturbi legati all’umore (Jain, Walsh, Cahn, 2015). Concentrandoci per alcuni minuti ogni giorno, possiamo diventare più vigili e aumentare la consapevolezza su quali sono pensieri che guidano le azioni svolte durante il giorno. Nella pratica, questo permette di migliorare l’immagine che abbiamo di noi stessi e quindi la nostra autostima.

La meditazione è un rimedio allo stress
Durante la vita, incontriamo spesso avversità inaspettate, a cui dobbiamo adattare gli abituali stili di fronteggiamento, o coping. In seguito a tali avversità, il livello di cortisolo nell’organismo aumenta, dando origine allo stress. La meditazione ha l’incredibile capacità di calmare la mente, rendendola in grado di concentrarsi sul presente e superare le situazioni stressanti. A questo proposito, è interessante citare la pratica meditativa  “The Relaxation Response”, proposta da Herbert Benson (medico dell’Harvard Medical Institute). Dallo studio è emerso come, questa tecnica di rilassamento, aiuti a regolare e gestire lo stress. Globalmente, migliora il benessere dell’organismo e la performance.

La meditazione promuove l’equilibrio mentale
La meditazione aiuta a controllare la “mente scimmia” (Luders, Cherbuin, Kurth, 2015), cioè le attività cerebrali note come “Default Mode Network” (DMN). Il DMN è responsabile di ciò che pensiamo, quando non ci occupiamo di nulla di specifico e lasciamo vagare la mente. La ridotta attività DMN nel cervello è il motivo per cui i meditatori possono rimanere sempre più orientati al presente e concentrati, raggiungendo così un elevato livello di pace e benessere.

Come emerge chiaramente dalle righe precedenti, la meditazione è senza dubbio uno dei metodi migliori per calmare le “tempeste mentali” e dissolvere l’inconsapevolezza che spesso accompagna le azioni quotidiane. In conclusione, la meditazione permette di raggiungere la felicità.

Speriamo che questo articolo ti sia stato utile, Se ti interessa approfondire il tema, sul blog troverai altri articoli sull’argomento

Riferimenti bibliografici:

  1. Chaudhari D., Renjen P., Neurological Benefits of Mindfulness medicine, 2017
  2. Cahn B., Jain F., Walsh R., Critical Analysis of the Efficacy of Meditation Therapies for Acute and Subacute Phase Treatment of Depressive Disorders: A Systematic Review, 2015
  3. Cherbuin N., Kurth F., Luders E., Forever Young(er): Potential Age-defying Effects of Long-term Meditation on Gray Matter Atrophy, 2015

Autrice: Gloria De Paoli

scritto da

Marzia Menotti

Marzia Menotti

Psicologa Psicoterapeuta

Amo aiutare le persone a coltivare la consapevolezza e l’amore per se stessi,  vivere nel presente e trasformare le crisi in occasioni di conoscenza di sè.

ARTICOLI CORRELATI

LA SINDROME DA RIENTRO

Può capitare, al termine dalle vacanze estive, di vivere un effetto paradossale: anziché sentirci più sereni e riposati, ci sentiamo più stanchi e frustrati di prima. Perché questo accade? e, soprattutto…come si può scongiurare questo spiacevole effetto paradosso?

leggi tutto