M’amo o non m’amo?

da | 25 Gen, 2021 | BENESSERE

La disposizione ad amare si coltiva partendo da sé, sviluppando un’attitudine gentile e compassionevole verso se stessi.

M’amo o non m’amo?


Amarsi significa accogliere la sofferenza e i fallimenti come parte dell’esperienza umana, anziché ignorare il dolore o rimproverarsi per non avere raggiunto i propri ideali.

In questo modo si riducono stress e frustrazione e si raggiunge un maggiore equilibrio emotivo. 

Vuoi misurare quanto sei gentile verso di te e auto compassionevole? 

Prova questo test, chiamato Self Compassion Scale. 

SELF COMPASSION TEST 


La Self Compassion Scale è stata ideata dalla ricercatrice Kristin Neff ed è un risorsa di libera divulgazione, disponibile su https://self-compassion.org/.

Qui è proposta in una mia traduzione.

scritto da

Marzia Menotti

Marzia Menotti

Psicologa Psicoterapeuta

Amo aiutare le persone a coltivare la consapevolezza e l’amore per se stessi,  vivere nel presente e trasformare le crisi in occasioni di conoscenza di sè.

ARTICOLI CORRELATI

LA SINDROME DA RIENTRO

Può capitare, al termine dalle vacanze estive, di vivere un effetto paradossale: anziché sentirci più sereni e riposati, ci sentiamo più stanchi e frustrati di prima. Perché questo accade? e, soprattutto…come si può scongiurare questo spiacevole effetto paradosso?

leggi tutto