Come ama la donna, come ama l’uomo

da | 14 Apr, 2021 | RELAZIONI

Tanto tempo fa, i Marziani e le Venusiane si incontrarono, si innamorarono e vissero felici insieme perché si rispettavano e accettavano le loro differenze. Poi arrivarono sulla terra e furono colti da amnesia: si dimenticarono di provenire da pianeti diversi.

Gli uomini vengono da Marte, le donne da Venere è un libro interessante e divertente, fornisce un punto di vista originale sulla vita di coppia, aiutando i lettori a fare chiarezza nel caotico mondo dell’amore. Usando le stesse parole dell’autore, possiamo definire il libro come una “guida che si propone il miglioramento delle comunicazioni e il soddisfacimento delle necessità emotive” cercando di rispondere al più antico degli arcani: perché gli uomini non capiscono le donne? E perché le donne non capiscono gli uomini? 

La risposta è molto semplice, ma per nulla scontata: uomini e donne sono diversi. È scientificamente dimostrato che ai due generi corrispondono due diversi modi di pensare, parlare e amare. John Gray esprime questo concetto attraverso una divertente metafora: uomini e donne provengono da due pianeti diversi, nello specifico le donne sono venusiane e gli uomini marziani. 

L’idea di fondo è che solo attraverso la conoscenza e la comprensione delle differenze sia possibile far rinascere la magia dell’amore ogni giorno.

Innamorarsi è sempre magico. […] Ma a mano a mano che la magia si attenua e la routine quotidiana prende il sopravvento, diventa evidente come gli uomini continuino ad aspettarsi che le donne pensino e reagiscano come uomini e viceversa. Senza una chiara consapevolezza delle differenze esistenti fra sessi, non abbiamo la possibilità di capirci e di rispettarci. […] Così, pur animato dalle  migliori intenzioni, l’amore a poco a poco muore. […] La magia dell’amore svanisce. […] Comprendendo le differenze nascoste dell’altro sesso, possiamo dare e ricevere più amore. Rispettando e accettando le nostre differenze, abbiamo la possibilità di scoprire soluzioni creative e quindi di raggiungere i nostri obiettivi. Ancora più importante, possiamo imparare ad amare e a sostenere nel modo migliore le persone che sentiamo vicine. L’amore ha qualità magiche e può durare, se non dimentichiamo le differenze esistenti fra sessi. (Gray, p 23)  

Riconoscere e valorizzare le differenze dell’altro sesso permette di costruire una relazione duratura e appagante, mentre dimenticarsene porta inevitabilmente a litigi, incomprensioni, sofferenze e separazioni.

Poiché ignorano le differenze esistenti fra loro, uomini e donne sono condannati a vivere in stato di guerra. (Gray, p 20)  

Il libro indaga, quindi, queste differenze soffermandosi in modo specifico su ognuna di esse nei vari capitoli e fornisce validi suggerimenti su come comportarsi per accoglierle invece che negarne l’esistenza.

Analizziamo queste differenze più da vicino:

I bisogni dei marziani

I marziani danno importanza soprattutto  al potere,  alla competenza, all’efficienza e  ai  risultati. Vivono mettendosi continuamente alla prova e tentando  di sviluppare la loro abilità. Definiscono il  proprio  senso  di sé in base alla capacità  di raggiungere risultati. Si sentono realizzati soprattutto attraverso il successo. Su Marte, tutto riflette questi valori. (Gray, p 27)  

L’uomo, in quanto abitante di Marte, sente di essere amato dalla donna quando lei nutre fiducia e ammirazione nei suoi confronti. Quando, invece, è delusa o infelice l’uomo si sente di aver fallito, anche se la causa di quel malessere non dipende da lui. L’infelicità della donna rafforza la sua più profonda paura: non essere all’altezza. In sostanza, nel rapportarsi all’uomo la donna deve ricordarsi di farlo sentire apprezzato e importante per la sua felicità.

Nell’arco della relazione, a volte l’uomo sentirà il bisogno di ritirarsi nella sua caverna e dedicarsi a se stesso, in questo caso è importante che la donna gli lasci il suo spazio. 

Quando un  marziano è turbato, non parla mai di ciò che lo preoccupa. […] Diventa invece estremamente silenzioso e si rifugia nella sua caverna privata per riflettere sul problema ed esaminarlo da ogni angolazione alla ricerca della soluzione. Quando l’ha trovata, si sente molto sollevato e abbandona la caverna. (Gray, p 42)  

Rapportandosi nel modo giusto e lasciandogli il suo spazio, lui sarà pronto a donare ancora più amore tornando indietro come un elastico.

Gli uomini sono come elastici. Quando li si tende, riescono ad allungarsi solo fino a  un certo punto prima di scattare all’indietro. L’elastico offre una metafora perfetta per capire il ciclo dell’intimità maschile. (Gray, p 104)  

I bisogni delle venusiane

Le venusiane hanno valori diversi. Per loro sono importanti soprattutto l’amore, la  comunicazione, la bellezza e i rapporti interpersonali. Dedicano molto tempo ad  aiutarsi e vezzeggiarsi l’una l’altra. Il loro senso del sé si definisce attraverso i sentimenti e la  qualità  dei rapporti  interpersonali. Si sentono realizzate tramite la partecipazione e la relazione. Su Venere tutto riflette questi valori. (Gray, p 29)  

La donna è interessata alla vita relazionale, che coltiva ricercando armonia e cooperazione e li raggiunge attraverso la comunicazione e l’ascolto. Inoltre, proprio come un’onda la donna affronta momenti di alto e momenti di basso. 

Quando la sua onda si infrange, l’uomo deve essere pronto a sostenere la donna facendole sentire il proprio amore. Mentre la donna si trova sul fondo del pozzo non cerca soluzioni concrete al problema, ma cerca qualcuno che le faccia sentire che non è sola ma è amata, considerata e ascoltata.

Quando una donna scende nel “pozzo” è consapevole di stare affondando nel proprio inconscio e nell’incertezza emotiva. […] Può sentirsi inerme, sola o priva di sostegno. Ma poco dopo avere raggiunto il fondo, se davvero è convinta  di essere amata e sostenuta, comincerà automaticamente a sentirsi meglio. […] si risolleverà e ricomincerà a irradiare amore. (Gray, p 122)  

Riferimenti bibliografici:

  • Grey, J. (1992). Gli uomini vengono da Marte e le donne vengono da Venere. Milano: Gruppo Editoriale Fabbri, Bompiani, Sonzogno, Etas S.p.A..

scritto da

Marzia Menotti

Marzia Menotti

Psicologa Psicoterapeuta

Amo aiutare le persone a coltivare la consapevolezza e l’amore per se stessi,  vivere nel presente e trasformare le crisi in occasioni di conoscenza di sè.

ARTICOLI CORRELATI