dott.ssa marzia menotti

La depressione reattiva

La depressione reattiva

La depressione si definisce reattiva quando i sintomi depressivi sono chiaramente legati ad eventi dolorosi quali la perdita di persone care, la malattia fisica, il licenziamento o i problemi economici.

Il processo di auto guarigione
Non ci si ammala di depressione ogni volta che accade qualcosa di negativo. Per affrontare il dolore dell’esperienza di perdita, infatti, il cervello mette in campo risorse autonome di guarigione; si riorganizza, costruisce nuove connessioni, trova nuove soluzioni, stemperando un poco per volta il dolore e ricostruendo un nuovo equilibrio. Talvolta, questo processo di autoguarigione non si attiva come dovrebbe; il cervello non riesce a riorganizzarsi e si sviluppano disturbi come la depressione, l’ansia, i disturbi traumatici da stress, i disturbi di adattamento.

La relazione tra evento negativo e depressione
Non esiste un rapporto causale diretto tra gravità dell’evento stressante e insorgenza della depressione; ciascuno di noi reagisce ad uno stesso evento in modi diversi, in base alle risorse personali di cui dispone e in base al momento. E’ esperienza comune notare come di fronte ad uno stesso evento (per esempio la rottura di una relazione sentimentale) alcuni soffrano, ma riescano a venirne fuori un po’ per volta senza sviluppare alcun disturbo; altri invece rimangano intrappolati nel loro dolore e non riescono a trovare una via di uscita.
Inoltre, in alcuni periodi della nostra vita siamo in grado di affrontare situazioni molto pesanti senza sviluppare nessun disturbo, in altri invece ci sentiamo fragili e impotenti, incapaci di reagire di fronte a difficoltà che sembrano banali. Anche un evento potenzialmente positivo potrebbe rappresentare un elemento di disagio; questo accade perché qualunque cambiamento, anche quando è desiderabile, costringe il cervello ad un processo di adattamento.

La resilienza
Per spiegare questa estrema variabilità di risposta agli eventi stressanti, in anni recenti è stato introdotto il concetto di resilienza, cioè la capacità resistere ed adattarsi alla crisi, ritrovando un nuovo equilibrio. La resilienza dipende dal bagaglio personale di fattori protettivi, quali ad esempio la presenza di figure di riferimento stabili a cui rivolgersi in particolari momenti della vita, l’esistenza di una rete sociale costituita da legami significativi di vario tipo (familiari, amicali, culturali, professionali), l’acquisizione di adeguate strategie di fronteggiamento, cioè di gestione della situazione.

Come si cura
La comunità scientifica internazionale ritiene che al trattamento farmacologico, prescrivibile dallo psichiatra, sia opportuno affiancare un trattamento di psicoterapia specifico. Esistono molti tipi di psicoterapia; la psicoterapia cognitivo comportamentale è quella raccomandata con più forza per i disturbi depressivi, in quanto basata sul metodo scientifico e sostenuta da solide prove di efficacia.
La psicoterapia cognitivo comportamentale è particolarmente indicata quando la depressione è conseguente ad eventi negativi, poiché consente di costruire nuove abilità per affrontare la crisi, restituendo un nuovo senso di efficacia personale e di fiducia nelle proprie possibilità. Se gli eventi negativi alla base della depressione reattiva sono di origine traumatica è possibile intervenire con tecniche di psicoterapia specifiche per il trattamento del trauma, come l’EMDR, sbloccando il processo di elaborazione del dolore e quindi riattivando il meccanismo di guarigione. Dopo aver superato l’episodio depressivo è altrettanto importante mantenere il benessere raggiunto, intervenendo sul proprio stile di vita e rafforzandosi. L’approccio mindfulness, le tecniche di rilassamento e biofeedback, le strategie di psicologia del benessere sono interventi utili alla prevenzione delle ricadute, così come la ricerca scientifica riconosce con evidenza sempre maggiore.

conosciamoci

Il potenziamento mentale dove vuoi tu

Scopri il servizio di video consulenza psicologica online, scegli il pacchetto più adatto alle tue esigenze e richiedi un primo consulto gratuito.

Scopri di più
CONTATTI

Ottieni informazioni

Compila il form e ti risponderò personalmente, oppure scegli uno dei miei riferimenti:

(+39) 3281382210

 Acconsento a che i miei dati personali vengano utilizzati in accordo con la Privacy e Cookie Policy;*

Contatti

Per informazioni e appuntamenti:
Telefono: +39 328 1382210 - Email: info@marziamenotti.it



dove ricevo

Milano, via Felice Casati 42
Bosisio Parini, Via Vittorio Veneto 19
Bergamo, Via Angelo Maj n.24